Home / Parchi Giochi / Parchi Giochi in Italia / A Palermo con bambini: giocare tra ville, giardini e gradoni vista golfo

A Palermo con bambini: giocare tra ville, giardini e gradoni vista golfo

Palermo con bambini

Palermo è una città caotica, ma talmente affascinante e meravigliosa che non può non essere visitata.

Nel visitare Palermo con bambini al seguito dove sono i migliori parchi giochi dove fare giocare i bambini?

Lo chiediamo a Martina, mamma che vive a Palermo, e ne approfittiamo per parlare del bellissimo progetto a cui ha dato vita: mamma di due piccole pesti, architetto e grafico, nell’ottobre 2014 ha deciso di smettere di lamentarsi e di agire insieme ad altri genitori creando l’associazione #cespazioperme finalizzata a permettere la creazione di parchi gioco nelle aree verdi comunali. Incredibile a dirsi ma a quella data la città di Palermo non aveva nessuna area giochi, nessun altalena, nessun luogo di svago all’aperto per bambini o di aggregazione per i genitori.

palermo centro storicoLa loro battaglia, che definiscono virale, è iniziata con un gruppo su facebook ed è riuscita in poco tempo a rendersi nota sui media anche attraverso una manifestazione organizzata nel parco simbolo della città, Villa Trabia. Da quel 23 novembre Palermo conta ben 10 nuove aree gioco per la prima infanzia!

Qui la mappa di Palermo che l’associazione ha creato con i playground già fruibili, quelli in via di installazione e le aree che potrebbero diventare presto dei nuovi playground.

Anche noi nel 2011 abbiamo visitato Palermo.

parco giochi palermo con bambini FavoritaAllora avevamo solo un piccolo accompagnatore di viaggio di quasi due anni ed era urgente più che mai il bisogno di farlo scendere da quel passeggino dove non voleva più stare, per dare sfogo al suo desiderio di muoversi, giocare, toccare. E possiamo confermare che a quella data la situazione dei playground era alquanto triste e sicuramente non idonea alle necessità di una grande città.

Dalla nostra visita alla città e grazie al prezioso contributo di PalermoBabyPlanner, questi i nostri consigli per chi visita Palermo con bambini.

Palermo con bambini FavoritaPartiamo dall’area più grande del capoluogo siciliano: il Parco della Favorita: area non centrale e quindiraggiungibile in auto o con mezzi pubblici (bus 806 dal Teatro Politeama), considerandola come sosta dedicata al gioco dei bambini durante il tragitto che da Palermo conduce a Mondello, caratteristico e popolare paesino di mare, facilmente raggiungibile per chi è in visita a Palermo. Il parco è molto vasto: sono presenti spazi erbosi dove stendere un telo e improvvisare un pic nic, alberi che creano piacevoli zone d’ombra, un piccolo parco giochi con scivolo, dondoli e arrampicata. Non mancano  piste ciclabili e tanto spazio per il gioco libero.

Giardino Inglese Palermo con bambiniPalermo con bambini Giardino IngleseRestando in una zona più centrale e quindi raggiungibili con una semplice passeggiata, da segnalare in primis il Giardino inglese, il più noto e frequentato giardino nel centro della città. Situato in via Libertà, all’angolo con via Duca della Verdura, questo spazio presenta una suggestiva struttura con viali, fontane e tante opere di marmo lungo il giardino stesso. È un’oasi di verde e tranquillità nella caotica e trafficata Palermo. I bambini si divertiranno a correre su e giù tra i viali del parco, nascondendosi qua e là dietro i maestosi alberi che lo popolano.

Palermo con bambini Foro ItalicoPalermo con bambini Foro ItalicoAnche il Foro Italico non è caratterizzato da un vero e proprio parco giochi, ma è un grande accogliente spazio verde circondato dalle antiche mura della città, che si estende nella zona della Cala di Palermo e che costituisce uno dei lungomare del capoluogo siciliano. Il panorama sul mare è fantastico: dalla lunga terrazza “Mura delle Cattive” si può godere di uno scorcio indimenticabile  sull’ intero Golfo di Palermo. Panchine, sculture moderne, paletti, una comoda pista ciclabile, il prato e il giardino di palme rendono quest’area una perfetta soluzione per accogliere le famiglie durante i caldi pomeriggi in estate e primavera. La zona è adatta per giocare e correre liberamente, magari con una palla, salendo e scendendo i tanti gradoni, gustando un buon gelato seduti nel prato, prima di ripartire alla visita della città.

Altri parchi da segnalare nel centro della città sono il bel parco di Villa Giulia, accanto all’Orto Botanico (ingresso in Via Lincoln). All’interno della Villa si trovano bellissime opere d’arte di inestimabile valore, tra i quali busti di personaggi illustri di Palermo, splendide fontane dove ci si inventa il gioco nascondendosi e rincorrendosi intorno al perimetro delle stesse, ma nessuna area giochi dedicata ai bambini.

Il parco di Villa Malfitano, un vasto spazio verde in via Dante, una delle arterie di Palermo che costeggia il Teatro Politeama,  che non ha un parco giochi vero e proprio, ma ospita alberi monumentali ed esotici le cui radici diventano un perfetto percorso per allenare l’equilibrio, una fontana, un laghetto con le papere, un’area da poter sfruttare per i picnic. Aperto la mattina dalle 9.30 alle 13.30, è una buona soluzione da considerare per chi visita Palermo con bambini.

Per chi cerca aree giochi attrezzate e complete, le mamme di Palermobabyplanner suggeriscono il Parco Cassarà e il Parco Uditore.

Il Parco Cassarà è la croce e la delizia dei Palermitani. È stato per lungo tempo un’area abbandonata e poi finalmente nel 2012 è stata riqualificata ed aperta al pubblico. Sono state realizzate due belle aree per i bambini, che ospitano tanti giochi per diverse fasce d’età. Scivoli, altalene, ponti, assi ondulanti e piatti molleggianti, un teatro all’ aperto, un laghetto artificiale per attrarre bambini piccoli e non. Al momento, purtroppo, è chiuso e questo il sito per controllarne la riapertura.

Il Parco Uditore è uno spazio verde immenso al centro di quella che fu la Conca D’oro (via Leonardo Da Vinci, incrocio piazza Einstein).Il parco offre piste ciclabili, un parco giochi attrezzato e un’area fitness open air. Sono presenti anche un’area per la meditazione , nonché uno spazio riservato agli animali. Soprattutto in estate, il parco ospita vari eventi per bambini e tutte le informazioni vengono pubblicate su questo sito web.

Altre utilissime segnalazioni:

Villa Bonanno (Corso Vittorio Emanuele, di fronte al Palazzo d’Orleans, sede della Regione Siciliana). Un parco non attrezzato per i bambini, ma tanto verde circondato da bellezze storico monumentali di grande rilievo. Oltre al Palazzo, in stile normanno, dalle panchine della villa è possibile ammirare Porta Nuova, una delle antiche porte della città, quella più ricca e certamente la più intatta. Si vedono, inoltre, la biblioteca regionale e la splendida Cattedrale di Palermo.

Villa Trabia (Via Antonio Salinas 3, a pochi passi dalla nota via Notarbartolo). E’ sede di un assessorato del Comune di Palermo e di una biblioteca. Il parco non offre tantissimi svaghi per i bambini, fatta eccezione per una piccola e poco curata area giochi.

Giardino Garibaldi. Alla bellezza dell’architettura della villa, si aggiunge la presenza di busti marmorei e varietà di piante dal grande valore storico-monumentale, come la grandissima Ficus alta ben 25 metri e con una chioma pari a 10000 metri cubi.  Per i bambini questi tronchi maestosi possono trasformarsi in tane dove nascondersi, ovviando alla mancanza di un’ area giochi dedicata ai più piccoli e alla ludoteca recentemente chiusa e in attesa di essere riattivata.

Villa Sperlinga. In passato parco di caccia, oggi è un giardino comunale in prossimità di Piazza Unità d’Italia. Ospita una piccola area gioco con scivoli e altalene.

Giardino Papireto. In ordine di tempo, è l’ultimo giardino condiviso della città. Si tratta dell’area all’aperto della scuola Maria Pia di Savoia, in via Papireto. Il giardino, gestito attualmente da una cooperativa privata,  rimane aperto tutti i giorni dalle 9 alle 22 nel periodo estivo, durante il periodo scolastico solo il pomeriggio dalle 16.30 alle 19.30. Non presenta un’area attrezzata con giochi,  ma spesso ospita attività ludiche, laboratori  ricreativi e spettacoli di vario genere.

Parco d’Orleans. Vicino al palazzo dei Normanni, immerso nel cuore della città, è un’ampia area verde che si estende fino a toccare quasi il Parco Cassarà e che ospita la cittadella universitaria.  L’attrazione  più interessante è il parco ornitologico che, fino a poco tempo fa, accoglieva ben 3000 esemplari, mentre oggi si sta avviando verso la chiusura, a causa di direttive regionali. Non si conosce con precisione la data in cui il parco verrà privato delle bellissime e rare specie di uccelli, ma forse ancora per un po’ i bimbi potranno continuare a goderne. Il parco è aperto dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13, il sabato e la domenica dalle 15 alle 18.

Mondello bambiniSe tutte queste oasi di verde nascoste nella città non bastano per rigenerarsi dall’affascinante caos di Palermo, allora mio consiglio è quello di prendere la macchina e guidate direzione Mondello: non so dove sia il parco giochi, ma tra spiaggia, barche e pescatori all’opera, i bambini non potranno che apprezzare la scelta di gita “fuori porta” in questo paesino così vicino e al contempo lontano dalla vicina città.

Potresti cercare

Un weekend al Lago di Como con bambini tra Colico e dintorni

Il treno ci ha portati a Colico, deliziosa località in cui il lago di Como incontra …

Un commento

  1. A PALERMO NON CI SONO SPAZI PUBBLICI PER I BAMBINI.
    E LE MAMME NON CI STANNO.

    Si sono conosciute su facebook e tra un consiglio sull’alimentazione ed uno sul pediatra da scegliere, si sono unite per dar voce ai diritti dei loro bambini.

    “Non si può vivere in una città che non rispetta i bambini”, spiega Tiziana Venturella “le emergenze sono tante in riferimento alla tutela dei diritti all’infanzia, la fruizione di uno spazio verde a misura di bambino è un aspetto importante”

    “Il parco giochi è uno spazio per la socializzazione, uno spazio delle esperienze ludiche, della costruzione dell’identità e dell’inclusione sociale. Chiediamo per questi spazi vigilanza efficiente ed efficace e manutenzione tempestiva “ ci racconta Giusi Rossi.

    Le mamme hanno deciso di agire, hanno creato una pagina facebook per rimanere in contatto con tutti i cittadini, genitori e non solo che desiderano una città a misura di bambino ed in soli 5 giorni hanno raccolto oltre 700 adesioni. Hanno scritto un loro manifesto che condivideranno venerdì 21 novembre durante l’incontro aperto a tutti. Hanno organizzato un evento in una delle ville di Palermo che ospitava uno spazio gioco.

    I genitori di Palermo dicono no e si muovono per far valere i loro diritti. Hanno iniziato un percorso di dialogo con le istituzioni per capire come ottenere dei risultati concreti. E state certi che non si fermeranno alle promesse.

    Condividete la loro battaglia, seguitele sulla loro pagina fb.
    http://www.facebook.com/Cespazioperme

    Contatti:
    [email protected]

    Prossimi incontri:
    21 novembre | Terre di Kore | 17-19
    Incontro di presentazione e confronto su @[null:#cespazioperme]:
    cosa è
    perchè è
    dove è

    23 novembre | Villa Trabia | dalle 10
    Io gioco se c’è spazio per me
    Una mattina dedicata al gioco, agli incontri, alle riflessioni.
    Portate fogli e colori e insieme ai nostri bimbi disegneremo il parco giochi che vogliamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *